Microsoft Edge sta lentamente migliorando

Al Browser Microsoft Edge sono state fatte un paio di modifiche per l’usabilità, per rispondere a quanto richiesto dagli utenti. Tuttavia, alcuni dei miglioramenti sperati non sono stati ancora pianificati.

Le due modifiche sono disponibili in anteprima di prova in Windows 10, solo per chi ha aderito a ricevere in anticipato le nuove funzionalità, quindi prima che vengano messi a disposizione del grande pubblico.

Il primo cambiamento è l’aggiunta di segnalibri sincronizzati, una caratteristica comune in altri browser. Gli utenti saranno ora in grado di accedere e aggiornare i segnalibri su più dispositivi, purché siano collegati allo stesso account Microsoft. Sorprendentemente questo sembra essere disabilitato di default, anche se questo settaggio potrebbe cambiare una volta che sarà ufficialmente implementato.

Il Pulsante centrale del mouse più influente

Il secondo cambiamento è quello di avere controlli aggiuntivi utilizzando il tasto centrale del mouse, che per molte persone è una rotella di scorrimento cliccabile. Premendo la rotella di scorrimento durante l’utilizzo si aprirà una nuova scheda. Con le nuove modifiche, cliccando sullo stesso tasto mentre il cursore del mouse è sull’icona di Edge sul desktop, dalla barra delle applicazioni o dal menu Start, si aprirà una nuova finestra, anche se Edge è già aperto. Questa è una caratteristica già disponibile in Internet Explorer.

Detto questo, non vi è ancora alcun segno della funzione scheda di anteprima di cui Microsoft ha precedentemente parlato. Quando sarà presente, vorrà dire che nella scheda, nella parte superiore del browser si aprirà una miniatura che mostrerà il contenuto della relativa pagina web.

La cosa veramente sorprendente è che tutte queste tre caratteristiche sono state accennate mesi fa. Nasce spontanea la domanda del perché Microsoft non le abbia incluse ad Edge al momento del lancio di Windows 10.

Assenza di Estensioni e Add-Ons

Edge non permette l’aggiunta di alcun add-on o estensione, che permetterebbe agli sviluppatori di terze parti di sviluppare alcuni strumenti da utilizzare col browser. Microsoft non ha mai promesso una tale funzione, ma è di certo una grave lacuna considerando il fatto che nella maggior parte dei rivali browser sono disponibili svariati add-ons ed estenioni.

Una possibile spiegazione è che si vuole mantenere Edge più semplice e veloce possibile, evitando quindi di rallentarlo o addirittura di mandarlo in crash implementando strumenti di terze parti.

Qual’è la tua opinione?

Hai provato il browser Edge? Hai notato che mancano alcune funzioni che ti aspettavi in un browser? E quali i benefici nelle prestazioni sono offerti da Edge senza tanti fronzoli.

No Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

EmailEmail