Home / Recensione / Il Miglior PC Portatile da Gaming 2018

Il Miglior PC Portatile da Gaming 2018

I PC Portatile da gaming hanno compiuto, negli ultimi anni, un lungo percorso. Non si ha più a che fare con uno o due grossi motori da jet che erano prima necessari per fronteggiare la produzione di calore dei chip grafici mobili. Pertanto, i notebook si sono snelliti notevolmente, pur offrendo grafiche da desktop di classe, disponibili in una forma effettivamente portatile.

Il miglior computer portatile da gioco

Questo è grazie, in gran parte, alle GPU dall’architettura Pascal di NVIDIA. Le schede grafiche Serie 10 sono più potenti ed efficienti che mai. Grazie alle velocità di clock maggiori e le temperature in uscita meno elevate, se confrontate alle generazioni precedenti, è ora possibile introdurre nei computer portatili le schede GTX 1060 e 1070 GPU che misurano circa un pollice di spessore o anche meno. Meglio ancora, queste schede grafiche serie 10 non sono impostate come delle varianti mobili, bensì si è potenziato ogni Bit in modo da renderle praticamente identiche alle loro controparti desktop. Facendo un ulteriore passo avanti, la filosofia di Nvidia con la progettazione del nuovo design MaxQ è quella di sacrificare appena un po’ delle prestazioni, per abbattere il consumo di energia. Questi dispositivi sono sottili, leggeri e tranquilli, ma sempre potenti. Troverete qui la selezione dei nostri preferiti di questa categoria e abbiamo inoltre elaborato per gli acquirenti, una guida dedicata alla linea Max – Q.

Assolutamente impressionante vedere quanto gli schermi dei PC Portatile si avvicinino, sempre di più, alle funzioni impostate sulle loro controparti desktop. Le caratteristiche come le frequenze di aggiornamento elevate, le risoluzioni 1440p o 4K e la tecnologia G-Sync non sono più limitate ai soli PC da tavolo. Ma forse la cosa più interessante è che si possono avere a dei livelli di prezzo ragionevoli, una buona combinazione di queste caratteristiche e delle relative prestazioni.

Per i nostri test effettuati nel contesto della Guida, abbiamo sottoposto un bel numero di PC portatile da gaming provenienti da diversi produttori di hardware. Abbiamo limitato la nostra scelta complessiva ai PC portatile con GPU 1070 GTX, perché i computer con quella specifica,per la maggior parte dei giocatori, raggiungono il miglior equilibrio tra prestazioni, caratteristiche e prezzo, mentre per la categoria inerente al budget, ci siamo limitati ai computer portatili con la GPU 1060 GTX. Per quanto riguarda i computer Slim con Design Max-Q, ci siamo concentrati sulle varianti a prezzi più ragionevoli con la GTX 1070, ma a breve valuteremo i computer che montano la GTX 1080 con design Max-Q.

Come scegliere un pc portatile gaming?

Il miglior computer portatile da giocoI PC desktop da gioco sono fantastici. Purtroppo non sono facilmente trasportabili ed è una seccatura trascinarli in giro. Sono inoltre impossibili da gestire in treno o in aereo. Per fortuna, i laptop da gioco hanno percorso una lunga strada. Sono ora disponibili in tutti i possibili design, configurazioni e prezzi. Il rovescio della medaglia è che può risultare pesante acquistare un laptop da gioco, se non avete fatto una vostra ricerca preventiva. Ecco perché siamo qui, per aiutarvi. Nelle prossime diapositive, vi mostreremo i nostri 10 consigli imperdibili per l’acquisto di un notebook da gioco.

Monitor

C’è molto da prendere in considerazione quando si guarda il monitor di un computer portatile. L’aspetto più evidente è la dimensione del monitor. Un monitor da gioco più piccolo da 14 pollici generalmente sarà disponibile, al giorno d’oggi, in un formato più ultraportatile mentre un notebook da 17 o anche da 18 pollici sarà ,molto probabilmente, non solo più pesante ma anche più spesso. I componenti montati sono anche più potenti. Questo tuttavia non è sempre il caso perché i produttori di brand come Msi e Razer fanno dei PC portatile da 17 pollici sottili.

Forse, più della semplice dimensione fisica del monitor, è opportuno prendere in considerazione la risoluzione del pannello. 1080 pixel rappresenta in gran parte, in questo settore, lo standard e questo è, in realtà, la risoluzione che consigliamo per il vostro computer portatile, se il gioco è l’uso maggiore che fate del vostro PC. Mentre i laptop da gioco, ora, sono dotati di schede grafiche equivalenti a quelle dei desktop e alcuni hanno il display da 4K, la risoluzione rimane ancora impegnativa sugli hardware moderni. Non fraintendeteci, il 4K va benissimo per la visualizzazione video (per i contenuti video limitati al 4K che sono disponibili), ma è semplicemente troppo impegnativo per gli hardware attuali, per poterlo raccomandare con fiducia. Per il momento, è preferibile che possiate risparmiare questo esborso di denaro extra. Ma vi chiederete, come va con la risoluzione 2560×1440? Se da un lato, i pannelli da 1440p possono andare bene, dall’altra, la maggior parte dei venditori di laptop sembrano aver glissato su questa risoluzione, in quanto non è molto comune, al di fuori dei telefoni cellulari, tablet e i monitor desktop.

L’altra cosa da prendere in considerazione per quanto riguarda il monitor è se utilizza o meno un pannello di tipo IPS (“in-Plane Switching” ossia tecnologia per visualizzazione costante con angoli più ampi) o TN (“twisted nematic” ossia effetto nematico contorto ). I pannelli IPS sono solitamente forniti con un piccolo extra ma il costo aggiunto viene premiato da una gamma molto più ampia di angoli di visione e un gamut molto elevato. Non solo la visualizzazione dei colori è migliore, ma questa funzionalità diventa estremamente utile per le foto professionali o per le scene di montaggio audiovisivo. Per vostra informazione, gli smartphone utilizzano principalmente i display IPS.

La cosa ulteriore da prendere in considerazione sui pannelli è la loro frequenza di aggiornamento. Se si dispone di un monitor 60Hz (di gran lunga, la più comune frequenza di aggiornamento), non importa se la GPU è in grado di rendere i giochi a 100 fotogrammi al secondo, poiché il monitor bloccherà il FPS, secondo la frequenza di aggiornamento del display. Mentre è più comune in determinati fotogrammi di monitor, vi sono alcuni laptop da gioco che offrono frequenze di aggiornamento più elevate del 60Hz. Il modello denominato provocatoriamente Sager NP9870-S offre un display 75Hz, che permette di visualizzare fino a 75fps. Oltre la frequenza di aggiornamento statico, vi è, tuttavia, una tecnologia emergente, chiamata frequenza di aggiornamento variabile. Questa funzione permette di modificare, in tempo reale, la frequenza di aggiornamento dello schermo, secondo la scheda grafica. Come si traduce questo per voi: una prestazione visibilmente più fluida, senza sbalzi dello schermo, anche con una frequenza di fotogrammi per secondo, più bassa. Si può andare a 30 fps, in un modo molto più fluido, come non potrebbe essere altrimenti. Se non l’avete mai sperimentato prima, questo potrebbe sembrarvi magia nera, ma funziona davvero! Dalla parte di NVidia, c’è la tecnologia G-Sync, per quanto riguarda invece AMD, abbiamo Free-Sync.

TRACKPAD

Benché sia molto probabile che utilizziate un mouse per il gioco, questo non significa che ci si debba accontentare di un trackpad mediocre. Purtroppo, è davvero difficile valutare quanto funzioni bene un trackpad, fino a che non lo si prova personalmente. Se non riuscite a provarlo in un negozio o a casa di un amico, allora potrebbe rivelarsi utile esaminare alcune recensioni online. Dovreste anche verificare se dispone di tutti gli orpelli di cui siete alla ricerca. Permette di poter scorrere con solo due dita? Permette di pizzicare per rimpicciolire od ingrandire?Ha pulsanti integrati sotto il trackpad oppure sono dei pulsanti separati, fisici, e discreti?Alcuni computer portatili di gioco, come gli Alienware serie 14, integrano trackpad con funzionalità luminosa. Non è definitivamente importante, ma potrebbe saziare la vostra fissazione da Tron.

Tastiera

Una buona tastiera offrirà un discreto senso di forza di attivazione e, al pari di una tastiera meccanica di un desktop, dovrebbe sentirsi ,di conseguenza,più tattile. Una pessima tastiera portatile trasmetterà una percezione di appiccicaticcio e di molliccio. Queste, talvolta, vi faranno pensare due volte se avete o meno azionato un certo tasto. MSI ha messo ,invece,in produzione un colosso incredibile di un computer portatile da gaming con una tastiera meccanica, ma questo non è assolutamente necessario ed è certamente eccessivo.

Anche se non super importante, molte tastiere da gioco offrono, di questi tempi, anche l’illuminazione integrata. Questa funzionalità potrebbe aiutarvi, quando c’è buio, in quelle lunghe sessioni di gioco notturne. Le tastiere di laptop più di lusso offriranno una illuminazione RGB personalizzabile. È una bella cosa da avere, ma non ci si deve sentire obbligati a spendere soldi extra per questo tipo di funzione.

Altoparlanti

AltoparlantiOggigiorno è davvero difficile reperire pessimi altoparlanti nei laptop da gioco. Non stiamo dicendo che tutti vi lasceranno a bocca aperta, ma la maggior parte di loro offrono una acustica decente. Quando giocate, è probabile che usiate comunque il vostro proprio auricolare, ma vale la pena segnalare che alcuni computer portatili da gioco sono dotati, nella parte bassa, di subwoofer (diffusori acustici) che vi offriranno un po’ di potenza in più.

Dimensioni e peso

Contrariamente a quanto si pensa, un prodotto più sottile non è sempre migliore di uno più spesso. Anche se un laptop da quattro libbre spesso 0.8″ è ottimo per la portabilità, i computer portatili da gioco sottili portano spesso a problemi di surriscaldamento e instabilità. Inoltre, sono molto spesso meno potenti dei loro fratelli più grandi. Le dimensioni del tuo laptop possono anche influenzare il rumore che senti mentre lo utilizzi, dato che all’aumentare della temperatura aumenta anche la velocità delle ventole. Quindi tutto dipende dall’utilizzo che vuoi fare del laptop: se vuoi giocare a videogiochi non troppo pesanti come League of Legends, Counter-Strike e Dota 2 puoi optare per portatili sottili; se invece vuoi giocare a videogiochi come Battlefield 4 e Metro Last Night e vuoi avere un laptop più duraturo allora dovrai scegliere le versioni più spesse e pesanti.

Porte

Quando devi acquistare un laptop devi assicurarti che abbia tutte le porte di cui hai bisogno. Consente di utilizzare tutti i tuoi dispositivi USB? Quante porte USB 3.0 e 2.0 ha? Ha una connessione USB C? Ha un lettore di schede SD? E la connettività HDMI/DisplayPort? La porta Ethernet? Assicurati di non ignorare questo fattore quando stai decidendo cosa comprare.

CPU

Per giocare, consigliamo un laptop con processore quad-core di Intel. Qualsiasi CPU con un numero di maggiore di quattro core risulta sprecata dal momento che i giochi non sono ancora ottimizzati per tali periferiche. Oltre al numero di core è importante anche la frequenza, corrispondente alla velocità della CPU. Per esempio, l’i7-6700HQ ha una frequenza di base di 2.6GHz, ma se necessario può raggiungere la frequenza massima di 3.5GHz. A parte questo, alcuni chip di Intel supportano l’hypertreading, utile per la produttività ma quasi ininfluente in campo di videogiochi.

Vale la pena menzionare che alcuni produttori di laptop da gaming riescono a far entrare le CPU Desktop in case piuttosto grandi, ma a meno che tu non stia cercando un sostituto per il tuo PC fisso, spenderai molto di più per qualcosa che non sfrutterai a pieno.

RAM

Per giocare, accertati di avere 8GB di RAM o più. Se utilizzi molto Google Chrome, sappi che cercherà di sfruttare la maggior parte della RAM che possiedi, quindi se ne hai la disponibilità economica ti conviene prenderne 16GB. Una quantità maggiore di memoria risulta sprecata per giocare. Consigliamo poi di impostare la RAM in dual-channel, dal momento che così facendo potrai sfruttare una larghezza di banda maggiore, anche se in futuro eventuali upgrade saranno più costosi. Per quanto concerne la frequenza della RAM, con 1600MHz non avrai alcun problema. Inoltre, se hai una scheda video dedicata acquistare memorie con frequenze maggiori non influenzerà più di tanto le prestazioni in gioco.

Scheda video

Per quanto concerne le buone schede video, nVidia sembra dominare la scena quando si parla di schede per dispositivi portatili. Se vuoi giocare alla maggior parte dei giochi in 1080p con impostazioni alte, consigliamo la GeForce GTX 1050 Ti. Se invece vuoi spingere al massimo i giochi in Full HD, consigliamo la GTX 1060. Tuttavia, se non hai bisogno di prestazioni fantastiche, andrà bene anche una scheda video entry-level come la GTX 1050, specialmente se sei interessato a giochi come Counter-Strike e League of Legends. Con questi anche la scheda integrata Intel Iris Pro andrà benone.

Se sei interessato a qualcosa di più potente per sfruttare il rapporto di aggiornamento alto del monitor del tuo laptop, consigliamo la GTX 1070. Se invece vuoi giocare in 4K, ti consigliamo un latop con la GTX 1080.

Un’altra caratteristica che è importante tenere in considerazione è la quantità di VRAM (video RAM) che la scheda ha. Al momento, 2GB di VRAM GDDR5 va bene per il 1080p, mentre 4GB e oltre sono ottimi per laptop con monitor a risoluzione maggiore. Avere una maggiore quantità di VRAM torna utile nel processare le texture del gioco oppure quando stai giocando a risoluzioni molto alte.

Archiviazione

Gli SSD sono obbligatori, al giorno d’oggi. C’è un detto che uso di solito: “Gli amici non permettono agli amici di acquistare un computer senza SSD“, e questo si applica a laptop e PC fissi. In teoria, dovresti avere un SSD da 240GB e un HDD aggiuntivo per archiviare i giochi.

Se non puoi permetterti un SSD da 240GB o più grande, dovresti almeno prenderne uno da 120GB per il sistema operativo. Questo farà in modo che il tuo laptop si avvii in circa quattordici secondi e renderà molto più reattivo il sistema in generale. Non cadere nel tranello degli ibridi, dato che sono principalmente degli HDD con una piccola componente di SSD, che non ha nulla a che vedere con gli SSD veri e propri.

Se vuoi qualcosa ancora più veloce, puoi scegliere un laptop con due SSD e configurarli in RAID 0. In RAID 0 perderai tutti i dati in caso di rottura di un SSD, ma avrai il doppio della velocità.

Esistono diversi tipi di SSD, per esempio ci sono gli SSD tradizionali da 2.5″ (come quelli che si installano nei PC desktop), gli mSATA e gli SSD M.2. Questi ultimi al momento sfruttano il velocissimo protocollo NVMe, che può arrivare a velocità maggiori degli SSD in RAID 0 e ne è un esempio il Samsung 960 Evo. Gli SSD NVMe costano un po’ di più dei tradizionali SATA, quindi mettili nella categoria “magari averli”.

I nostri consigli

1. Asus ROG GL502VS-GZ427T (il PC portatile più leggero con GTX 1070)

Grazie alla serie 10 di nVidia GeForce, i latop da gioco sono una valida alternativa ai fissi. Per quelli che vogliono la portabilità senza rinunciare alle prestazioni, ci sono moltissime soluzioni adeguate per le varie fasce di prezzo.

L’Asus ROG Strix GL502VS è un ottimo compromesso per quanto riguarda prestazioni e prezzo. Non monta un assurdo sistema a doppia GPU, ma la sua discreta GeForce GTX 1070 offre prestazioni migliori del tuo classico laptop o desktop da gioco. Questa è una GPU molto potente che consente di giocare al ultra a 60 o 120 FPS in Full HD, e non ti aspetteresti nulla di peggio per questo prezzo. Coloro interessati ad utilizzare un monitor esterno saranno felici di sapere che la GTX 1070 è abbastanza potente per il 1440p, il che è piuttosto impressionante dato che è un laptop da 15.6″.

Coloro che stanno scegliendo tra altri laptop da gaming saranno felici di sapere che la GTX 1070 è più veloce della GTX 1060 del 38% mediamente, e in alcuni casi arriva anche al 60%. Coloro che invece stanno facendo un upgrade dalla 970M otterranno il doppio delle prestazioni.

Asus ROG GL502VS-GZ427TIl processore Intel Core i7-7700HQ si comporta come ci si aspetta da una CPU top di gamma e i 16GB di RAM tornano molto utili. Tuttavia, l’SSD SATA da 256GB della mia unità di prova non si comporta tanto bene quanto gli SSD presenti in altri latop che ho provato in cui si sfruttano le porte PCIe per l’archiviazione. Tutto ciò comunque non va ad inficiare le prestazioni in gioco, ma mi piacerebbe avere il massimo in questa fascia di prezzo.

Mi piace lo schermo G-Sync 120 Hz Full HD dato che consente di sfruttare al massimo la maggior parte dell’hardware presente. Il display è luminoso e anche se l’accuratezza dei colori non è delle migliori, è sicuramente stato progettato pensando al gaming.

Asus ROG GL502VS-GZ427TCi sono alcune cose però che non mi hanno fatto impazzire e la tastiera è una di queste, vista la corsa dei tasti estremamente breve in un laptop spesso 30mm. Il case è fatto per la maggior parte di plastica, il che rende sicuramente il laptop uno dei più leggeri sul mercato ma allo stesso tempo fa sembrare il prodotto scadente. Coloro a cui interessa la portabilità, tuttavia, saranno felici del compromesso che Asus ha fatto in questo senso.

Forse la cosa più attraente del GL502VS è il prezzo di $1699, che corrispondendo a $100 in meno delle controparti di MSI e Acer rende questo laptop uno dei più economici con GTX 1070 sul mercato. Ciò è stato possibile sacrificando lo spazio per l’SSD – il GL502VS ha un SSD da 128GB SSD mentre altre opzioni hanno SSD da 256GB – anche se gli utenti possono, volendo, sostituirlo con uno più capiente, e, nel caso in cui non lo ritenessero necessario, potranno godersi la potenza della GTX 1070 a $100 in meno.

Razer Blade Pro – Un PC portatile da gaming veramente sottile e leggero

Il Razer Blade è una sorta di jolly. Possiede una GTX 1060 che lo fa competere per la nomea di latop più economico in relazione alle prestazioni. L’unico problema è che il più grande punto di forza del Razer Blade – ovvero la sua leggerezza e il suo spessore decisamente ridotto che lo fanno sembrare quasi uguale ad un MacBook Pro – fa alzare significativamente il prezzo: dovrai spendere $1900 per il modello più economico. Ci sono moltissime cose fantastiche nel Razer Blade. È sicuramente uno dei laptop più comodi da portare in giro da me testati ed è capace di gestire al meglio sia i miei spostamenti quotidiani che i miei viaggi in aereo – una caratteristica rara da trovare se il prodotto utilizza una GPU dedicata. Tuttavia, non è privo di difetti. Lo schermo è da 60Hz e non è G-Sync, il che è molto strano, visto il suo prezzo. Manca anche una porta Ethernet (anche se è possibile rimediare con un dongle USB), le ventole sono molto rumorose e quanto a prestazioni è simile agli altri laptop con GTX 1060, anche se si posiziona in fondo alla classifica. Detto ciò, mi piace comunque moltissimo e se cerchi una macchina con la forma di un Ultrabook ed una GPU dedicata, il Razer Blade è un’ottima scelta.

Lenovo Y520 – Un PC portatile da gaming di fascia media dal prezzo abbordabile

Lenovo Y520All’inizio dell’anno, Lenovo ha affermato di essere in procinto di lanciare la linea Legion, per dare un’identità più definita alle sue macchine da gaming. Il Legion Y520 è il primo della linea ad entrare nel nostro laboratorio e ci sono molte cose belle di cui parlare.

È possibile scegliere CPU, GPU, memoria e archiviazione dell’Y520: i5 o i7, GTX 1050, GTX 1060 o GTX 1070, 8GB o 16GB di RAM, niente o 512GB di SSD e 1TB o 2TB di hard disk. Tutto dipende da quanto vuoi spendere: i prezzi del laptop vanno da $780 a $1529.

Il design dell’Y520 è molto simile al B-2 Spirit. Con il suo profilo sottile e a punta è molto più simile ad un bombardiere stealth che a un laptop. Tuttavia, all’interno non ci sono molte caratteristiche “stealth”: il rosso sui tasti e sul touchpad fanno pensare alla vittoria sugli altri giocatori. Lo stile né cartoon né serio dell’Y520 riesce a centrare l’obiettivo estetico che molti laptop non riescono a raggiungere. Il lato inferiore del laptop è, ovviamente, pieno di prese d’aria che fanno in modo che il calore esca da sotto lasciando la parte interna relativamente fresca durante l’utilizzo.

Per quanto concerne gli altoparlanti essi sono in grado di raggiungere un volume alto, anche se in alcune circostanze il suono risulta metallico e non riproduce fedelmente i bassi.

Il prezzo è il punto forte del Lenovo Y520, anche se ciò significa che alcune funzionalità fondamentali per i giocatori professionisti non sono presenti (personalizzazione di ogni tasto, altoparlanti fantastici o display vivace), ma alla fine ti consente di giocare senza spendere troppo.

L’Y520, comunque, non è privo di caratteristiche interessanti. Rimane piuttosto fresco e silenzioso e la sua tastiera, tralasciando il tastierino numerico traballante, è decisamente comoda. Il suo difetto più grande – il display scuro e poco vivace – non è poi così significativo.

I giocatori intenzionati a risparmiare dovrebbero tenere in considerazione questo prodotto, dato che è una delle migliori soluzioni presenti sul mercato.

Vedremo cos’altro avrà da offrirci Lenovo con la serie Legion, ma per ora con l’Y520 ha centrato l’obiettivo.

HP OMEN 15

HP lo scorso anno ha fatto le cose in grande con la sua gamma di dispositivi da gaming, facendoci tornare alla memoria la serie VoodooPC. Sfortunatamente, i portatili hanno dato la sensazione di essere quasi dei downgrade rispetto alla serie Omen che HP lanciò nel 2014. Quest’anno però, la compagnia ha deciso di ribaltare le cose. Il nuovo Omen 15 ha corretto tutte le problematiche presenti nel precedente modello, grazie a un design più gradevole e a una maggiore potenza grafica, con supporto agli headset VR. La serie di certo non spicca particolarmente, in un mercato dei portatili da gaming sempre più affollato, ma consente ad HP di rimanere in gioco.

L’HP Omen 15 rappresenta tutto ciò che avremmo desiderato vedere nella linea gaming di questa compagnia. Il computer è di bell’aspetto, veloce abbastanza da far girare la maggior parte dei videogiochi in 1080p, e con l’aggiunta finalmente del supporto VR (con un upgrade alla grafica). Anche se avremmo apprezzato un po’ più di potenza bruta per consentire l’esecuzione di giochi in 4K, l’HP Omen 15 dovrebbe essere in grado di soddisfare la maggior parte dei gamer.

Il nuovo Omen 15 possiede un design più aggressivo e coraggioso, che promuove linee ed angoli taglienti a discapito di curve dolci e smussate negli angoli. Con un solo sguardo si capisce di avere davanti un dispositivo da gaming, un aspetto allettante per coloro che trattano il proprio setup come una macchina sportiva.

Il telaio di Omen 15 è tutt’ora costruito in plastica, non in alluminio come lo stupendo modello del 2014, ma risulta piuttosto robusto. La colorazione è tutta in nero e cremisi, con finiture in simil carbonio, e un design nel complesso elegante.

Con i suoi 2,58 KG di peso, risulta tra i più leggeri della categoria. Sicuramente non si può scambiare l’Omen 15 per un ultrabook, ma risulta facile da trasportare in quanto HP ha deciso di applicare la filosofia di design NVIDIA Max-Q.

HP OMEN 15In quanto a porte, l’Omen 15 include 3 porte USB 3.0, una porta USB-C con tecnologia Thunderbold 3 opzionale, un lettore di carte SD e una porta Ethernet. Sempre nelle porte è presente una connessione HDMI full-size e una porta Mini DisplayPort per l’output video. Per effettuare degli upgrade successivi, è in teoria possibile effettuare la rimozione della parte inferiore del laptop e cambiare la SSD, l’hard disk e la RAM, ma sottolineo in teoria perché quando ho effettuato l’apertura del case, alcune viti sembravano non volersi spostare, mentre alcune si sono addirittura rovinate, il che significa che il mio cacciavite Philips non può avvitarle e svitarle tranquillamente.

Il cuore di Omen 15 è mosso da un Intel i7-7700HQ mentre la scheda grafica è a scelta una NVIDIA’s GTX 1050, 1050Ti o 1060. Il laptop viene venduto sia in configurazione da 8 che da 16 GB di RAM, e viene data inoltre la possibilità di scegliere tra diverse opzioni di archiviazione SSD e Hard Disk da 2,5 pollici, in base alle proprie esigenze di gioco.

La potenza bruta complessiva è maggiore rispetto all’Omen dello scorso anno. Tuttavia, se si desidera giocare in VR, ad esempio con Oculus Rift o HTC Vive, allora bisognerà tenere in considerazione la versione fornita di GTX 1060, poiché anche se tutte le configurazioni posseggono le porte necessarie a collegare un headset di Realtà Virtuale, è necessaria la potenza extra della GTX 1060 per assicurare un’esecuzione discreta e senza fronzoli dell’esperienza VR. La Realtà Virtuale non è come il gaming classico, e anche solo un paio di frame persi possono causare malessere all’utente.

Asus ROG G703VI-E5095T

Asus ROG G703VI-E5095TPochi giorni prima di BlizzCon 2017, l’ Asus Republic of Gamers ha introdotto un nuovo, potente computer portatile per la clientela PC gaming: questa “bestia” monta un processore Intel Core Core i7 di settima generazione (il nome del chip nello specifico dipende dal modello di computer portatile), uno schermo da 17,3 pollici con risoluzione massima di 3.840 x 2.160, fino a 64 GB di memoria RAM DDR4 e una scheda grafica GTX 1080 discreta, non della serie Max-Q di Nvidia.

La nostra raccomandazione è Asus ROG G703VI-E5095T, questa versione è composta da un processore Intel Core i7-7820HK overcloccato, un chip grafico GTX 1080, anch’esso overcloccato, 16GB Ram e 512GB di SSD. Il display possiede un’ alta frequenza di aggiornamento a 144Hz, in grado di mettere ben in mostra le capacitò dell’overclocking con un alto frame rate.

Per mantenere raffreddate le componenti che producono più calore, è presente all’ interno il sistema brevettato dall’azienda, Anti-Dust Cooling (ADC), che spinge l’aria calda verso il fondo e verso le prese d’ aria situate sui lati e sul retro. Questo sistema, inoltre, dovrebbe filtrare le particelle di polvere nocive e le altre impurità, e quindi espellerle attraverso canaline dedicate.

A detta di Asus, è stato proprio questo layout ADC a rendere possibile l’introduzione dell’ overclocking nel suo nuovo portatile. Entrambi i chip sono già overcloccati di serie, ma gli utenti possono spingere il processore fino ad una velocità massima di 4.3GHz, e di 1.974MHz per la scheda grafica. Detto ciò, overcloccando al massimo entrambi, si potrà ottenere un mostro di computer portatile, in grado di far girare agilmente tutti i vostri giochi preferiti.

Tra gli altri fattori degni di nota in G703 troviamo una tastiera elegante con retroilluminazione RGB singola per tasto. Questa retroilluminazione supporta la piattaforma Aura RGB, che sincronizza i colori e gli effetti di illuminazione in tutto l’ hardware di supporto. Il portatile include inoltre un modulo integrato Xbox Controller Wireless Controller, in modo da poter collegare un controller Xbox One senza bisogno di un dongle wireless o connessione Bluetooth.

Acer Predator PH317-51-779L

Acer Predator PH317-51-779L

Da quando Acer ha lanciato la sua soluzione da gaming economica, da 15 pollici e con GTX 1060, ovvero la Predator Helios 300, gli utenti di tutto il mondo sono stati immediatamente attratti dall’ eccellente rapporto prezzo/prestazioni. Abbiamo inoltre avuto la possibilità di giocarci un po’ e il nostro primo verdetto sul notebook è che presenta alcuni notevoli difetti che, tra l’ altro, non sono determinati dal prezzo di vendita. Acer sta anche pianificando di lanciare una versione da 17 pollici del notebook in questione, che potrebbe rappresentare un’ alternativa più economica al Predator 17 (G5-793) con GTX 1060.

È interessante notare che la Helios 300 da 17 pollici presenta meno analogie con il modello da 15 pollici del previsto, a parte il design e l’ hardware, naturalmente. Questo è probabilmente il motivo per cui il numero di modello dell’ Helios 300 da 17 pollici si discosta così tanto: PH317-51. In ogni caso, entrambi hanno lo stesso Core i7-7700HQ, abbinato alla GPU NVIDIA GeForce GTX 1060, fino a 32 GB di memoria DDR4-2400, display IPS Full HD e configurazione di storage standard con M. 2 PCIe NVMe SSD e un HDD da 2,5 pollici. Ma quando si tratta di qualità costruttiva, le cose cambiano notevolmente. Il modello da 15 pollici vanta un coperchio di alluminio e interni in metallo, mentre il modello da 17 pollici è interamente realizzato in plastica e assomiglia molto alla serie Aspire VX 15.

Il portatile è dotato di un buon pannello IPS con pochi svantaggi, PWM e rapporto di contrasto inferiore del solito, e buone caratteristiche per il gioco e multimedia: luminosità massima elevata e ampia copertura della gamma sRGB. Il problema PWM, tuttavia, può essere risolto con il nostro profilo Health-Guard, in modo da poter godere di una piacevole esperienza videoludica e multimediale, il tutto senza appesantire inutilmente gli occhi. Anche grazie alla costruzione in plastica, Acer è stata in grado di sbarazzarsi di qualche grammo qua e là, rendendo la versione da 17 pollici dell’ Helios 300 one dei portatili da 17 pollici più maneggevoli che abbiamo mai avuto. E infine, ma non meno importante, il notebook offre tempi di autonomia della batteria molto superiori alla media dei suoi rivali da 17 pollici. Questo è sicuramente qualcosa che non ci saremmo aspettati.

About mavis

Check Also

Migliori Cuffie in Ear 2018 (Via cavo e bluetooth wireless )

Se siete amanti della musica, molto probabilmente non siete contenti degli auricolari dati in dotazione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *