Home / Portatile / Il Pixelbook di Google non è, probabilmente, del tutto un Chromebook.

Il Pixelbook di Google non è, probabilmente, del tutto un Chromebook.

  Pixelbook

Il 4 ottobre, ci si aspetta che Google ci sveli tutti i vari nuovi modelli di dispositivo, con un riferimento particolare al suo smartphone Pixel 2 , ma il nostro interesse ha lasciato il campo al Pixelbook.

Il primo ad essere trapelato, all’inizio di questo mese, in quelli che vengono definiti i comunicati stampa ufficiali, molti hanno assunto che il presunto Pixelbook non è altro che il prossimo Chromebook della società, concepito internamente. Ma con uno sguardo più attento, e certamente con qualche speculazione, sono solito pensare che si tratti di qualcosa di completamente diverso.

Il primo fatto che questo nuovo modello di portatile, dal dispositivo 2 in 1, sia tutt’altra cosa del Chromebook consiste nel nome proposto: “Pixelbook” (tuttavia, è da notare che questo dispositivo potrebbe, molto bene, rappresentare il precedente vociferato ” Predecessore di Chromebook”).

Dato che gli ultimi due laptop di Google sono stati nominati “Chromebook Pixel”, perché la società dovrebbe, ora allontanarsi, dall’appellativo di Chromebook? Probabilmente perché tecnicamente, non si è iniziato con un Chromebook.

I Chromebooks non hanno bisogno di tutta quella memoria.

Se avete seguito i Chromebooks, sin dal loro debutto iniziato sei anni fa, avrete notato che i piccoli tagli di memoria locale rappresentano una delle caratteristiche distintive di questi dispositivi. La maggioranza dei Chromebook viaggiano con non più di 32 GB di spazio di memoria Flash.

I modelli precedenti di Pixel Chromebook di Google avevano raggiunto una capacità di 64GB che è sicuramente eccessiva per un laptop che esegue la maggior parte delle sue funzioni tramite il browser di Chrome. Quale Pixelbook può sembrare in pieno

Pixelbook

Allora perché il cosiddetto Pixelbook è ritenuto iniziare con un taglio di storage interno di 128GB che è il doppio dei più capienti modelli di Chromebook che Google abbia prodotto? Inoltre, è necessario considerare, in aggiunta a questo punto, che il Pixelbook dovrebbe raggiungere il grandioso limite di 512GB per l’archiviazione dati.

Se questo dovesse trovare conferma, Google sta chiaramente prendendo in considerazione qualcosa che divorerà molto spazio di memoria locale, indipendentemente dalla solida piattaforma informatica Google Driver (che permette l’utilizzo delle risorse da remoto).

Se fosse il grande debutto di Google Fuchsia?

Sappiamo tutti che Google ha giocherellato con l’apporto delle App di Android sui Chromebook anche prima dell’inizio dell’anno. Effettivamente, l’azienda aveva lavorato, in collaborazione con Samsung e Asus, per il rilascio dei Chromebook questo anno, progettati appositamente per introdurre questa nuova specifica, inclusi il Chromebook Pro di Samsung e il Chromebook Flip di Asus.

Tuttavia, mentre entrambi i portatili sono, senza dubbio,eccellenti, questo componente di supporto della App di Android è andato a rilento e non sembra aver suscitato tutto questo entusiasmo.

Detto ciò, sappiamo inoltre che Google ha lavorato, per qualche tempo, con l’obiettivo di avvicinare Android e Chrome OS, in tempi più recenti, parlando pubblicamente di quello che viene chiamato come il “Fuchsia OS”, basato sul kernel di un nuovo sistema operativo denominato “Magenta”.

Questo nuovo presunto Sistema Operativo -che è già stato svelato con alcuni screenshots (immagini “catturate” dagli schermi) – dovrebbe coniugare le caratteristiche e le funzioni principali, rispettivamente di Android e Chrome OS, con l’obiettivo di mettere a disposizione un’interfaccia touch intuitiva che può adattarsi al dispositivo in questione. Sapete, un po’ come il concetto centrale di Microsoft con il Windows 10.

Il lavoro effettuato da Google, relativo all’apporto del supporto delle App di Android sul Chrome OS, potrebbe essere considerato come i primi passi compiuti nella direzione dell’auspicato rilascio di questo sistema ibrido OS. E quale modo migliore di iniziare tale progresso di un dispositivo di punta che può passare dal portatile al tablet, esattamente come ci si aspetta che faccia il Pixelbook?

Pixelbook

Davvero l’ultima volta che potremmo vedere un Chrome di Google.

Pixelbook: Il futuro del sistema di software Google ?

Ora, riportando tutto questo al punto cruciale della memoria locale, indipendentemente da quanto sia potente la tua connessione internet e di quanto scattante sia la tecnologia del server del gigante tech, le app lavorano al meglio con la velocità per frazione di secondo di un flash drive locale. Inoltre, le Applicazioni richiedono, per operare, varie quantità di memoria .

Così, tra quanto viene riferito riguardo al buttare il nome Chromebook, e lo stipare masse di archiviazione locale in questo dispositivo di computer del tipo 2 in 1, mi sto seriamente chiedendo se questo nuovo gadget verrà affatto considerato come un Chromebook. Questo potrebbe significare la prima replica seria di Google nei confronti del convertibile OS di Microsoft.

Pixelbook potrebbe rappresentare l’inizio della fine per entrambi gli Android e Chrome OS, così come li conosciamo ora.

Leggi di più:
Miglior SSD

About mavis

Check Also

MacBook vs. Air vs. Pro: Quale MacBook dovreste comprare?

Dal MacBook Air da 13 pollici piuttosto conveniente al Macbook da 12 pollici con il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *